Vocabolario del Legno

Vocaboli e terminologie usate nel mondo del legno

Search for glossary terms (regular expression allowed)
Termine Definizione
relascopio
Strumento forestale universale introdotto dal Bitterlich,che serve principalmente a misurare l'area basimetrica per ettaro di un bosco, l'altezza delle piante in piedi, i diametri alle varie distanze dal suolo, l'altezza formale ed il coefficiente di riduzione di alberi in piedi. Inoltre col r. si possono anche determinare otticamente le distanze da oggetti (stadie) di dimensioni note, nonchè le pendenze del terreno. Consta di due parti sovrapposte, di forma all'incirca parallelepida, la superiore delle quali è più piccola dell'inferiore cui è opportunamente raccordata: nel complesso è alto 14 cm, largo 3,5 e lungo 6: peso 500 g. Può essere usato su cavalletto a snodo oppure anche tenendolo in mano: tre aperture tonde chiuse da vetro smerigliato illuminano l'interno dello strumento dove son disposte le varie scale. La prestazione più importante dello strumento è la determinazione dell'area basimetrica, per ettaro, di un bosco.
Visite - 425
rendimento o resa di segagione
Rapporto tra il volume dei segati ottenuti da un dato volume di legname tondo, e lo stesso volume tondo. Per il tavolame esso varia tra il 60 e l'85 %: tale ampia variazione è in relazione alla regolarità più o meno grande dei fusti, allo spessore delle tavole, al fatto che si tratti di tavole refilate a spigoli paralleli o di tavole non refilate, all'ampiezza della strada della sega, ecc.
Visite - 155
reologia
Termine, di recente introduzione, per indicare quel particolare settore della fisica che si occupa della viscosità, elasticità, scorrimento e stiramento della materia. Ricade pertanto nella r. lo studio delle deformazioni elastiche e permanenti del legno.
Visite - 124
repente (fusto)
Dicesi di fusto prostrato e tortuoso.
Visite - 60
resina
Sostanza presente in certe essenze, dette appunto resinose, che è appiccicosa e può rendere difficile la lavorazione.
Visite - 132
resina molle
v. oleoresine.
Visite - 57
resinazione
Operazione alla quale si sottopongono i pini onde accrescerne la produzione della resina e consentirne la raccolta Lo stimolo all'aumento della produzione è dato da ferite che non solo devono privare la pianta del fusto: esse si praticano o in senso verticale coll'asciotto o inclinate e da spina di pesce con un apposito raschietto affilato: nel primo caso la ferita è unica, larga 6-10 cm e viene via via con successivi interventi prolungata in altezza nel secondo caso le ferite, larghe circa 1 cm, sono disposte in serie ed il proseguire della r. è dato dall'apertura di nuove serie sopra quelle già fatte. Dopo aver aperto le ferite si può praticare una irrorazione con acidi diluiti al fine di accrescere la reazione dei tessuti e perciò la secrezione della resina. La r. può essere a vita o a morte: la prima viene praticata con una intensità ridotta in modo che la pianta non abbia troppo a soffrirne, nel secondo l'intensità è assai maggiore: essa viene applicata soltanto quando, essendo la pianta pervenuta a maturità ne è prossimo il taglio e non può quindi più avere molta importanza l'eventuale decadimento delle sue condizioni vegetative. Se la resina prodotta dalle pinete ha un indubbio valore economico, per stabilire il bilancio generale di convenienza si deve però anche considerare che, assieme allo scadimento di caratteristiche tecnologiche del legno, deve essere presa in considerazione l'estrema suscettibilità dei boschi resinati agli incendi.
Visite - 137
resine sintetiche
Sostanze, ottenute per sintesi, che in qualche stadio hanno una certa rassomiglianza con le resine naturali. Sono largamente impiegate per l'industria delle materie plastiche e per i collanti.
Visite - 199
resineux (boiy)
Termine francese per legno di specie resinosa, o addirittura, se usato solo, per conifera in genere.
Visite - 71
resiniferi (canali)
Canali di origine schizogena (cioè derivante da allontanamento delle cellule) il cui perimetro è costituito da cellule secretrici di resina. Essi si trovano nel legno di molte Conifere e cioè dei generi Larix, Pinus Picea, Pseudotsuga, ecc. e decorrono tanto in direzione assiale tra le fibre che in direzione radiale, essendo allora nell'interno dei raggi midollari.
Visite - 482
resinose (piante)
Denominazione che dovrebbe applicarsi a tutte le piante che in qualche loro parte od organo contengono resina:essa è tuttavia adoperata comunemente quale sinonimo di Conifere. Tale attribuzione è però del tutto impropria perchè vi sono delle piante contenenti resina appartenenti alle Latifoglie.
Visite - 183
resinosi
Secrezione patologica di resina in una pianta, dovuta a ferite od altre cause.
Visite - 174
retro
Parte posteriore di una carcassa o di un cassetto, in genere non rifinita.
Visite - 62
rgh.
Abbreviazione usata nel commercio dei legnami in luogo del termine inglese rough = grezzo.
Visite - 59
ribbon figure o stripe figure
Indicazioni usate dagli Inglesi nel commercio dei legnami per quella particolare figura da noi detta di rigatino e che è dovuta a differente inclinazione delle fibre nei successivi accrescimenti (disposizione di fibre detta con termini commerciali, interlocked grain).
Visite - 67
riccio metallico
Il sottile filo di metallo deformato e asportabile che resta attaccato alla lama dopo l'arrotatura.
Visite - 52
riceppatura
Operazione con la quale si taglia una pianta al piede:il termine dovrebbe essere riservato al taglio delle latifoglie governate a ceduo.
Visite - 319
riduzione (coefficente di) arboreo
Un fusto arboreo in piedi non è di agevole misurazione e l'unico elemento che si può avere con sicurezza è il suo diametro a petto d'uomo, mentre l'altezza si stima ad occhio o si misura con l'ipsometro. Con tali due dati si può determinare il volume del cilindro corrispondente (o volume cilindrometrico), ma per la rastremazione del fusto il volume effettivo sarà soltanto una aliquota del volume cilindrometrico indicata da un fattore, minore dell'unità, che si chiama coefficente di riduzione arboreo. Se si considera il volume effettivo di tutta la pianta, e cioè del fusto e dei rami, il coeff. di riduzione si dirà dendrometrico, se si considera il volume effettivo del solo tronco utilizzabile, si dirà cormometrico; la differenza tra i due costituisce il coefficiente blastometrico, relativo a cimale e ramaglia.Il coeff. di riduzione arboreo è spesso pure detto coeff. di forma.
Visite - 247
rifendino
Macchina per la segagione destinata precipuamente a ottenere tavole da pezzi parzialmente squadrati, o aventi almeno una faccia piana. Consta di una lama (per lo più a nastro) e di un piano di lavoro con due serie di rulli: una ad assi fissi, ed una ad assi spostabili per mezzo di un sistema a molla che tiene il pezzo a contatto dei cilindri ad assi fissi e contemporaneamente imprime il moto di avanzamento.
Visite - 50
rigatino (effetto o figura di)
Particolare figura del legno la cui superficie si presenta come una successione di strisce diritte di diversa lucentezza cangianti con la incidenza della luce. Deriva da ripetute e contrastanti variazioni di direzione delle fibre nei successivi accrescimenti Nel commercio internazionale detta figura è indicata come ribbon figure o stripe figure o bois rayonné o rubané e l'andamento particolare delle fibre interlocked grain. Il r. più apprezzato dagli Inglesi è il cosiddetto a “pencil grade”, nel quale cioè le successive strisce sono larghe 6-8 mm. Da noi un rigatino a strisce molto sottili viene talora detto millerighe.
Visite - 323
rigonfiamento del legno
Aumento di dimensioni, e pertanto di volume, per assorbimento di umidità, di un pezzo di legno che si trova inizialmente ad avere umidità inferiore al punto di saturazione delle pareti cellulari (e cioè minore del 28-32 % del peso secco). L'aumento avviene soltanto fino a detto punto di saturazione, oltre il quale il legno può ancora assorbire acqua senza peraltro variare le sue dimensioni. Il r. è il fenomeno inverso del ritiro del legno. Ved. anche alla voce Legno.
Visite - 784
rilievo dei danni (in una tagliata boschiva)
Operazione che si effettua prima che una tagliata boschiva di proprietà di Enti venga riconsegnata dall'aggiudicatario della utilizzazione all'Ente proprietario al fine di stabilire quali danni siano stati apportati alla proprietà boscata sia nel riguardi del suolo che del soprassuolo da riservarsi. Il r. d. d. deve essere effettuato da Ufficiali od Agenti del Corpo Forestale dello Stato, i quali sono competenti a stabilire l'ammontare dei danni che l'aggiudicatario deve rifondere all'Ente, nonché le eventuali penalità per infrazioni alla legge forestale o ad altre disposizioni.
Visite - 57
rimondatura
Operazione con la quale si procede alla soppressione dei rami deperiti, rotti, secchi di un albero, nonchè dei succhioni.
Visite - 120
rinculo
Il movimento brusco e violento di una sega elettrica portatile quando la lama incontra un ostacolo che ne impedisce la rotazione e proietta l'attrezzo verso l'operatore, nella segatrice a disco è invece il pezzo che subisce il rinculo.
Visite - 72
rinforzo
Nelle unioni a ugnatura è un triangolo di compensato o di precompresso inserito in un taglio praticato nella parte esterna dell'angolo.
Visite - 69
riportato
Si dice di una decorazione, una modanatura o un pezzo che non è ricavato direttamente in un pezzo di base, ma è fissato su questo con viti, colla o spine.
Visite - 50
ripresa boschiva
Termine forestale che indica il quantitativo di massa legnosa che viene tagliato,o potrebbe essere tagliato in occasione dell'utilizzazione di un dato bosco o complesso boschivo. Per i boschi la r. b. annua dovrebbe essere costante ed eguale all'incremento reale annuo.
Visite - 517
ripulitura (taglio di)
Termine forestale col quale si indica il taglio e l'allontanamento di tutto il materiale secco o deperiente che si trova in un dato bosco, nonchè degli arbusti realmente inutili e delle specie infestanti che - in modo particolare nelle giovani piantagioni - svolgono una concorrenza radicale accentuata e possono ostacolare la vegetazione del soprassuolo boschivo. Quando oltre al taglio di quanto è detto sopra si procede anche all'utilizzazione delle piante soprannumerarie e superdominate, si passa al taglio di sfollo.
Visite - 102
riserva
Sinonimo di Matriciana.
Visite - 41
risina
Sorta di condotto o canale in selciato, in tronchi grezzi,o addirittura in terra, destinato a servire per la discesa del legname tondo dal bosco alla strada di carico su veicolo. Nel caso la r. sia in terra essa viene per lo più utilizzata quando il gelo ha rassodato il suolo e la neve agevola lo scivolamento. Le r. erano un tempo largamente usate per l'esbosco del legname nelle Alpi Centro Orientali, ma oggidì sono in Italia pressochè abbandonate, perchè la loro gravosa manutenzione le rende antieconomiche a confronto di altri mezzi di esbosco.
Visite - 137
logo tuttolegno

MILANO | Via Frugoni 1 | +39 02 36631784

COLLEGATI A NOI !