Glossario del Legno

Cerca nel glossario (espressione regolare permessa)
Inizia con Contiene Termine esatto Foneticamente simile
Tutto A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Termine Definizione
derulaggio o derullaggio
Francesismo usato purtroppo assai spesso in luogo di sfogliatura.
diakyanizzazione
Trattamento per impregnare il legname da opera o da paleria con bicloruro di mercurio al fine di proteggerlo dagli attacchi di funghi e di insetti. differisce dalla kyanizzazione tipica per il fatto che, allo scopo di aumentare la profondità di penetrazione dell'antisettico, prima dell'immersione nel medesimo il materiale è sottoposto ad una vaporizzazione con vapor d'acqua a 150°.
diboscamento
v. disboscamento.
dicioccamento
Estrazione dal terreno dei ciocchi e delle radici degli alberi tagliati. Costituisce la prima fase del dissodamento dei terreni coperti di vegetazione spontanea arbustivo arborea.
difetti del legno
Con tale denominazione generica si intende un insieme di anomalie che portano a uno scadimento del valore del legno: tra di essi può farsi una suddivisione a seconda che si tratta di deviazione dei tessuti dalla normalità come struttura e disposizione,di interruzioni nella loro continuità, di alterazioni della costituzione chimica e delle caratteristiche essenziali.
diluitori da colle
Liquidi per rendere le colle meno dense e meno vischiose, oppure polveri (dette anche cariche) che si aggiungono agli ordinari collanti da legno per aumentarne il volume rendendone più economico l'impiego. Dette cariche possono essere inerti (per es. farina di legno o di gusci legnosi, polvere di marmo, ecc.) o partecipare all'azione collante però con caratteristiche inferiori a quelle delle vere colle (farine di cereali).
diradamento boschivo o dirado
Operazione con la quale, in un bosco coetaneo dove i fusti cominciano a differenziarsi, si tagliano gli individui soprannumerari, cioè quelli che, in relazione all'età ed allo sviluppo del soprassuolo, ne rendono la densità eccessiva. Il d. boschivo a differenza dello sfollo rappresenta generalmente un'operazlone attiva e rientra nelle cure di allevamento. Svariati sono i metodi di diradamento, i quali derivano dall'applicazione integrale, o dalla combinazione opportunamente studiata, dell'eliminazione parziale delle piante dominanti o delle piante dominate (d. alto e d. basso).
diramatura
Soppressione di rami nella chioma di un albero a fogliame troppo denso, oppure di rami in posizione tale da creare asimmetria ed altri inconvenienti.
disboscamento
Distruzione del bosco per utilizzarne i prodotti o per destinare il suolo ad altra coltura (nella presunzione, molte volte fallace, di ricavare redditi superiori a quelli del bosco). Nei paesi montuosi il d. è sempre una operazione pericolosa dal punto di vista della stabilità del suolo e del buon regime delle acque perché il terreno nudo è facile preda dell'erosione idrica ed eolica e per tali motivi in Italia è stato introdotto il concetto di vincolo che comporta una speciale disciplina dei tagli (art. 8 del R.D. 30-12-1923, n. 3267) e delle trasformazioni dei boschi in altre qualità di coltura (art. 7 id. id.) nonché dei dissodamenti dei terreni saldi vincolati.
disco
Lama a forma circolare di una segatrice da banco.
disetaneo (bosco)
Bosco nel quale le piante non sono tutte della stessa età. Se si tratta di una fustaia vedasi “fustaia disetanea”, se si tratta di un ceduo vedasi “ceduo a sterzo” e “ceduo composto”.
disinfestazione
Operazione diretta a sopprimere o per lo meno a lottare contro animali, particolarmente insetti, dannosi all'uomo, ad altri animali, ai vegetali, alle derrate, e al legname in opera.
doga
Elemento costitutivo dei fusti di legno da liquidi (barili e botti: d. arcuate, mastelli, tini: d. diritte). Le d. più pregiate per vasi vinari e per liquori sono quelle di specie quercine, di castagno e di gelso; legnami andanti come il pioppo, il salice, l'ontano e gli abeti servono per recipienti da solidi; il faggio può pure servire ma deve essere escluso se destinato a contenere sostanze alimentari alle quali talvolta conferisce cattivo odore.
dogherella
Doga di piccola dimensione.
dominante e dominato (albero)
Specificazioni indicanti che la chioma dell'albero si trova tutta o per buona parte sopra o sotto lo strato costituito dalle chiome degli alberi vicini.
doppio alburno o lunatura
Anomalia nella duramificazione del legno per la quale invece di avere il cuore circondato dall'alburno, questo compare anche in una zona intermedia. È un difetto che si presenta raramente e che presumesi determinato da forti freddi o da altre cause che hanno interrotto gli scambi di sostanze in direzione radiale.
dormente o dormiente
Termine usato per indicare un elemento costruttivo o portante in legno la cui funzione richiede una posizione orizzontale su appoggio continuo: così le banchine delle costruzioni edili, le traversine ferroviarie, i grossi e corti tronchi seppelliti nel suolo per gli ancoraggi delle teleferiche forestali, ecc.
dosse
Termine francese per sciavero.
dosse (segati «sur»)
Tavolame ottenuto segando un tronco (p. es. all'alternativa multilame) in tavole parallele ad una unica direzione, di guisa che la tavola centrale è in direzione diametrale, ma tutte le altre sono via via tangenziali a successivi anelli di incremento. Tale sistema di segagione mette in evidenza il fenomeno dell'imbarcamento, di tutte le tavole, eccezion fatta di quella centrale.
dovetail
Termine inglese per indicare incastro a coda di rondine.
drapé (effetto)
Indicazione usata nel commercio dei legnami per una particolare figura presentante dei disegni informa di drappeggiatura, dovuta per lo più a sporgenze sul fusto è frequente nei mogani d'Africa.
dressed and headed
Specificazione inglese del commercio dei legnami, abbreviata in d. and h. che significa squadrato e intestato.
durame o duramen o mascello o cuore del
Parte interna del fusto degli alberi nella quale le cellule sono morte e non svolgono più funzioni biologiche essenziali. Questa cessazione di attività è talora accompagnata dalla cosiddetta duramificazione apparente, cioè dalla deposizione nell'interno del lume cellulare di sostanze (tra le quali prevalgono i tannini) che per la loro tinta conferiscono al legno una colorazione più scura o quanto meno diversa da quella dei tessuti della parte esterna in questo caso il legno viene detto differenziato (quercia, larice, ebano). Le sostanze depositate nel d. contribuiscono per la loro natura chimica ad aumentare la resistenza del legno agli attacchi dei funghi e degli insetti: in qualche caso dal d. può addirittura farsi una conveniente estrazione di coloranti, di profumi (legno rosa) o di prodotti chimici diversi.
logo tuttolegno

MILANO | Via Frugoni 1 | +39 02 36631784

COLLEGATI A NOI !