Glossario del Legno

Cerca nel glossario (espressione regolare permessa)
Inizia con Contiene Termine esatto Foneticamente simile
Tutto A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Termine Definizione
corbame
Pezzi di legno di quercia squadrati, da 14 cm di grossezza in avanti e di lunghezza pari o superiore a 1,50.
cord o corda
unità di volume sterico del legno in tondelli, in uso negli S.U. ed in Gran Bretagna, corrispondente ad una catasta di 8 x 4 x 4 piedi = 132 piedi cubici, ossia di 3,622 m steri pari a circa 2,550 m3 solidi.
cordella metrica
Nastro con gradazione in m, dm e cm per la misurazione di distanze, circonferenze, lunghezza di tronchi, ecc.
cordonatura del fusto
Malformazione del fusto di piante legnose nelle quali il tronco si presenta con un rilievo più o meno saliente, e decorrente secondo un'elica la quale può anche essere contraria all' andamento delle fibre (supposto che queste siano dotate, rispetto al fusto, di un andamento attorto).
core
Termine inglese che indica la parte interna dei pannelli di compensato o dei paniforti o dei pannelli a tramezzino, da noi denominata anima.
cormo
Complesso morfologico delle piante superiori (Cormofite) nelle quali sono nettamente differenziate e distinte le radici, il fusto e le foglie.
cormometrico (coefficiente)
v.volume effettivo di un albero.
corno
Parte di un pezzo da mortasare lasciata in eccesso al fine di prevenire eventuali scheggiature durante la lavorazione della mortasa; il corno viene segato via al termine della lavorazione.
corona o ghirlanda
Nell'utilizzazione boschiva: lo smusso di estremità che si pratica nei tronchi e nei toppi per agevolarne lo smacchio e diminuire il deterioramento occasionato da urti contro le asperità del suolo.
corpo corticale e c. legnoso
v. alla voce cilindro centrale.
corrente o arcareccio o terzera
Elemento dell'orditura dei tetti costituito per lo più da un travetto a sezione quadra con lato sui 10 cm, disposto orizzontalmente.
corrente o correntino o cantinella
Denominazioni del commercio dei legnami per segati di legno di abete, di piccola dimensione, e lunghezze varie, destinati per lo più alla piccola orditura dei tetti a tegole.
cortame
Denominazione commerciale del legname, tondo o segato,avente lunghezza minore di 3,90 m).
corteccia
In botanica per c. si intende l'insieme di strati di sughero  alternati con sclereidi e con parenchima che si trova tra l'epidermide e lo strato meristematico della zona corticale detto fellogeno. Mentre l'epidermide ad un certo punto si lacera, gli strati di corteccia prodotti dal fellogeno verso l'esterno, cominciano a staccarsi in tratti più o meno larghi di tessuti morti dando luogo alla scorza o ritidoma, come si vede nel platano (ritidoma scaglioso), nella betulla (ritidoma anellato). In altre piante, come ad es. i pini il ritidoma non si stacca ma permane aderente al fusto non potendo però seguirne l'incremento diametrale, si fende in direzione sublongitudinale dando luogo a scaglie separate da incisioni, di forma caratteristica per ogni specie. Nel linguaggio comune con c. o scorza si intende la  parte periferica dell'albero esternamente al cambio, in gran parte costituita perciò dal ritidoma.
cossidi
Famiglia di Lepidotteri Eteroneuri comprendente insetti di grandi dimensioni. Larve carnose, cilindriche, nude o pelose, con tre paia di zampe toraciche e cinque addominali. Crisalide incompleta,conica, provvista di due paia di spinosità dorsali e di un sollevamento frontale Adulto con antenne corte filiformi; torace robusto; ali a tetto, le anteriori decisamente pelose, con apice arrotondato e margine obliquo. Le specie più importanti per i danni che producono sono il perdilegno rosso ed il p. bianco.
cossus
v. perdilegno.
costa
Le superfici strette di un pezzo, ad angolo retto con le facce.
costa principale
Una costa perfettamente piallata, spianata e squadrata.
cotto (legno)
Dicesi di legno che abbia già subìto una alterazione nell'aspetto esterno o una demolizione parziale delle pareti cellulari ad opera di funghi. La dicitura è correntemente impiegata per il legno di faggio, il quale facilmente è attaccato da vari funghi i quali ne provocano rapidamente prima l' alterazione e poi la distruzione.
creosoto
Liquido oleoso, limpido lievemente giallognolo se fresco, bruno dopo un certo tempo, ad odore caratteristico ottenuto dalla distillazione frazionata del catrame di legno (particolarmente di faggio). Consta di una miscela di derivati fenolici tra cui prevalgono guaiacolo e cresolo. Poco solubile in acqua, solubile in etere ed alcole.Trova applicazione in medicina quale energico disinfettante ed antisettico, ma tuttavia provoca talora infiammazioni del sistema digerente. Esternamente serve in pomata quale antiparassitario.
cresolo
Composto organico omologo del fenolo ottenuto da catrame. Ha importanza in agricolturaperchè entra in vari disinfettanti ed in modo particolare in antisettici da legno poco dilavabili.
cretto
Nella tecnologia del legno sinonimo di sottile spaccatura occasionata nei fusti dal gelo oppure nei tronchi abbattuti da essiccazione troppo rapida od irregolare.
cribri
Serie di cellule sovrapposte, a pareti sottili, con le membrane di fondo attraversate da piccoli fori a guisa di crivello, dette anche tubi cribrosi e formanti nel loro complesso il tessuto cribroso. A differenza dei vasi, i c. sono provvisti di citoplasma e di nucleo. Durante il riposo vegetativo le placche cribrose si chiudono per il depositarsi su di esse di una sostanza speciale detta callosi a composizione chimica non ben definita. I tubi cribrosi si trovano nel libro e servono al passaggio della linfa elaborata o discendente.
croste di sughero
Cascami provenienti dalla rimozione della schiena del sughero, e costituiti perciò dalla schiena stessa con minimo spessore di tessuto suberoso aderente.
crotch (effetto di) o fork
Denominazioni inglesi del commercio del legname per indicare la particolare figura che si ha nel legno lavorato quando la sezione passa per l'asse della biforcazione di un tronco. In italiano si usa correttamente la dizione figura a piuma.
cryptogil
Antisettico da legno a base di pentaclorofenolo.
cu.ft.
abbreviazione per piede cubico, pari a 28,317 dm3
cu.in.
abbreviazione per pollice cubo, pari a 16,387 cm3 (in 1 dm3 vi sono 61,024 cu.in.)
cubatura dei boschi
Valutazione nella massa legnosa di un soprassuolo boschivo, fatta empiricamente con stima oculare, o più rigorosanente con metodi dendrometrici.
cubatura del legname
Operazione con la quale si determina il volume solido reale di un dato assortimento legnoso tondo o lavorato.
logo tuttolegno

MILANO | Via Frugoni 1 | +39 02 36631784

COLLEGATI A NOI !