Glossario del Legno

Cerca nel glossario (espressione regolare permessa)
Inizia con Contiene Termine esatto Foneticamente simile
Tutto A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Termine Definizione
sgarrettatura
Taglio al piede di giovani piantine di latifoglie messe a dimora, allo scopo di meglio equilibrare la parte aerea alle radici, dopo il taglio queste ultime si rinforzano mentre dal colletto escono le nuove rimesse. La s. può altresì praticarsi prima che la piantina venga trapiantata: sarà così da porre a dimora la sola radice. Alcuni usano il termine per indicare anche la prima ceduazione di un bosco che si vuol governare a ceduo su ceppaia.
sgorbia
Sorta di scalpello per legno, il cui tagliente è a sezione più o meno curva.
shingle
Termine inglese per scandola o tavoletta sottile.
sicurezza (carico di) o (grado di)
Nel calcolare una struttura sollecitata da una data forza le dimensioni vengono stabilite in relazione ad un'aliquota (inferiore ad 1) del carico unitario di rottura per il materiale adoperato; tale aliquota viene detta carico di s. ed il rapporto tra carico di rottura e carico di sicurezza prende il nome di grado o coefficiente di sicurezza.
silografia
v. xilografia.
silologia
v. xilologia.
silometro
Ampio recipiente di forma per lo più cilindrica che serve per misurare il volume di pezzi di legno di forma irregolare: riempito il s. d'acqua fino all'orlo, si immerge il legno curando che resti sommerso; dal volume dell'acqua uscita può praticamente desumersi il volume del legno (prescindendo dal piccolo errore dovuto ad un certo assorbimento d'acqua da parte del legno).
siloteca
v. xiloteca.
silver grain
Denominazione inglese di quella particolare figura (v.) del legno che è fornita, nelle sezioni radiali, dalla presenza di grosse specchiature (v.).
sirice o vespa del legno
Sirex gigas L. Insetto dell'Ordine degli Imenotteri, Famiglia dei Siricidi dall'apparenza di una grossa vespa (lungh. da 20 a 45 mm). Corpo allungato bruno, ad addome cilindrico, testa e torace neri, ali trasparenti giallastre, la femmina è dotata di un lungo e robusto ovopositore a trivella che le consente di porre le uova in profondità nel legno. La larva che giunge sino a 30 mm di lunghezza vive due anni scavando una galleria sinuosa: l'adulto fuoriesce all'inizio dell'estate e subito hanno luogo l'accoppiamento e la deposizione delle uova Da noi sono particolarmente attaccati gli abeti bianchi: è raro che l'insetto deponga le uova su alberi vegeti, ma viceversa preferisce materiale abbattuto o in deposito. I danni possono essere notevoli.
siricidi o uroceridi
Famiglia di Imenotteri Sinfiti comprendente insetti di medie e grandi dimensioni, allungati, subcilindrici, leggermente depressi, forniti di lunghe antenne, col pronoto profondamente incavato posteriormente e con addome munito di un lungo e stretto ovopositore. Le larve sono xilofaghe, lunghe, subcilindriche con zampe toraciche ridotte a mammelloni allungati, piegati medialmente. Le specie più importanti sono il Sirexgigas L. (sirice o vespa del legno) ed il Sirex juvencus L.
slitta da esbosco
Slitta adoperata per l'esbosco dei tronchi legnosi su terreno naturale, su pista o su neve. Elemento fondamentale della slitta da tronchi è il sistema di fissazione del materiale legnoso, ottenuto per lo più con catene e tenditori. Se il materiale non è sostenuto completamente dalla slitta, ma è soltanto la parte anteriore che vi trova appoggio, si parla più propriamente di semislitta: in tal caso i tronchi sono a contatto con il terreno nella parte posteriore e provocano pertanto solchi e danni non trascurabili alla pista, subendo essi stessi un notevole deterioramento.
slumacature
Termine volgare per indicare le tracce lasciate dalle lumache sul loro passaggio. In senso figurato si adopera la stessa voce nella pratica artigiana del legno per indicare le specchiature (v.) date dai raggi midollari nelle sezioni subradiali, particolarmente dei legni di quercia.
slupatura
A rigore dovrebbe intendersi la sola asportazione del legno cariato dell'olivo (lupa), mail termine viene generalizzato a tutte le piante. È opportuno che essa sia seguita dalla disinfezione del legno sano, messo allo scoperto, con una soluzione di solfato ferroso.
smacchio
v. esbosco.
smerigliatrice o levigatrice o lisciatri
Macchina per ottenere sopra un pezzo di legno una superficie perfettamente liscia e levigata. Le s. sono di due tipi: a disco se il pezzo è sottoposto all'azione di un disco, fissato all'estremità di un albero in rapida rotazione e sulla cui superficie è fissata della carta vetro a nastro se la carta vetrata, fissata su una robusta tela, forma un anello in traslazione per mezzo di due pulegge di estremità (di cui una motrice). Gli oggetti piccoli si possono appoggiare sul ramo superiore dell'anello, mentre per lisciare superfici piane piuttosto ampie si ricorre al ramo inferiore opportunamente fatto strisciare sul pezzo.
smezzola
Termine del commercio del legname per indicare un segato a sezione rettangolare, con una dimensione doppia dell'altra: da 8 x 16 cm a 10 x 20 cm, lunghezza da 4 a 6 m.
smussatura o smusso
Parte mancante sullo spigolo di un assortimento legnoso che teoricamente dovrebbe avere sezione rettangolare. Lo s. è dovuto al fatto che si cerca di sfruttare al massimo la sezione del tronco: se infatti tutti i pezzi dovessero essere a spigolo vivo la perdita sarebbe assai più elevata perché in una data sezione si potrebbero iscrivere soltanto pezzi assai più piccoli di quelli smussati.
smusso
La parte inclinata di una costa.
snd.
Abbreviazione usata nel commercio internazionale del legname in luogo del termine inglese sound = sano.
sobbollito (legno)
Legno nel quale è in atto un attacco di funghi che ha già causato alterazioni, evidenti di colore e modificazioni non trascurabili delle caratteristiche fisiche e meccaniche. Il termine è particolarmente applicato al legno di faggio.
soft rot
Denominazione inglese del marciume molle.
solagna
Dicesi di traversina ferroviaria ricavata da un tronchetto di piccolo diametro, tale cioè da non consentire di ottenerne due. Le traversine s. sono poco pregiate perché contengono la zona del midollo.
solagno
Pianta di castagno proveniente da seme, di giovane età.
soprassuolo arboreo
Piante legnose (siano esse ad alto fusto che cedue) radicate in un appezzamento e che ne costituiscono la dotazione.
soprassuolo boschivo
Insieme delle piante legnose di un dato bosco:distinguesi in s. b. principale e s. b. secondario a seconda che si considerano le piante d'alto fusto o comunque tali da fornire un reddito periodico notevole, oppure quelle di modesto sviluppo che vengono sfruttate soltanto occasionalmente
sostacchina
Fusto sottile, parzialmente squadrato, per impalcature. Sostegno agricolo.
sostra
Rivendita di legna, carbone e calce.
sostraio
Rivenditore di legna, carbone e calce.
sottobosco
Insieme degli strati di vegetazione sottostanti al soprassuolo boschivo principale: comprende arbusti, frutici e suffrutici, felci, piante volubili, erbe. Il s. ha una funzione tutt'altro che disprezzabile nell'equilibrio biologico generale della foresta, nella conservazione dell'umidità e nell'attivamento della circolazione idrica del suolo, nella difesa del terreno vegetale d'altro canto però costituisce spesso un ostacolo alla razionale coltura boschiva. Infatti la concorrenza radicale degli elementi del s. si fa sentire sulla rinnovazione per seme, almeno sino a che le radici delle specie pregiate non sono penetrate a profondità maggiore, l'ombra nuoce al normale sviluppo delle piante eliofilee alla rimessa di vigorosi polloni cedui mentre poi spini, rovi e felci costituiscono grave pericolo per gli incendi boschivi. Per quanto dal s. non si possa ricavare una apprezzabile produzione legnosa, esso può tuttavia presentare un certo interesse per la raccolta di prodotti secondari quale lettiera (felci) e frutti (more, lamponi, mirtilli, fragole).
logo tuttolegno

MILANO | Via Frugoni 1 | +39 02 36631784

COLLEGATI A NOI !